Pensioni novità: aumenti e tagli per il 2014

Notizie non belle per i nuovi pensionati, specialmente per i lavoratori che dovranno andare in pensione tra qualche tempo come le donne, che vedranno aumentare l'età per poter avere una pensione di vecchiaia.

Ormai le continue novità del sistema previdenziale stanno facendo venire l'ansia a chi deve andare in pensione.

Continui cambiamenti, continui ritocchi , vediamo quelli più importanti decretati con la legge di stabilità:


Pensioni novità: aumenti e tagli per il 2014

Aumento delle retribuzioni pensionistiche secondo l'indicizzazione.

  • Le pensioni superiori ai 1.486 euro lordi all'anno rinizieranno ad essere indicizzate dopo 2 anni di stop dovuti al decreto sulle pensioni Monti-Fornero, ma gli aumenti saranno minimi.
  1. più 1,2% (100% dell’indice Istat) sulle pensioni d’importo mensile sino a 3 volte il minimo di dicembre 2013 (fino a 1.487 euro); 
  2. più 1,08% (95% dell’indice) per quelle d’importo mensile compreso tra 3 e 4 volte il minimo (da 1.487 a 1.982 euro); 
  3. più 0,90% (75% dell’indice) per quelle d’importo mensile compreso tra 4 e 5 volte il minimo (da 1.982 a 2.478 euro); 
  4. più 0,60% (50% dell’indice) per quelle d’importo mensile compreso tra 5 e 6 volte (da 2.478 a 2.973 euro). 

Contributo di Solidarietà per le pensioni più alte:

  • I pensionati che ricevono di pensione oltre 90.000 euro all'anno, scatterà un contributo di solidarietà ( praticamente un taglio alla pensione) che sarà di circa il 6 - 12% della pensione.