Arriva la tassa sui contanti (sopra i 200 euro)

Il Governo sta studiando un modo per incentivare l'uso di pagamenti online, mettendo una tassa sui contanti per i pagamenti superiori a 200 euro.
Scrive il 'Sole 24 Ore', che il governo sarebbe pronto a dichiarare la guerra al contante con l’introduzione di un’imposta di bollo proporzionale ai versamenti giornalieri superiori ai 200 euro.
Venerdì quindi, arrivano i decreti attuativi della delega sul fisco internazionale, e dovrebbe arrivare anche questa importante novità che farà la felicità delle Banche.

Per non pagare questo aggravio, naturalmente tutti i commercianti passeranno dalla moneta contante alla moneta elettronica, questo farà aumentare notevolmente il numero delle operazioni elettroniche in tutta Italia, ogni operazione elettronica ha naturalmente un costo per chi la fa e un  guadagno per l'operatore bancario che la gestisce.

Arriva la tassa sui contanti (sopra i 200 euro)
Altro obiettivo che si prefigge il governo, è quello di far sparire lo scontrino entro il 2017, rendendo obbligatoria la memorizzazione e la trasmissione di dati telematica per tutti i corrispettivi giornalieri.

Questa novità sarà valida anche per tutti i distributori automatici ( ad esempio le macchinette per il caffè)

PS: il Ministero oggi ha replicato a questa indiscrezione del Sole24h, con una nota in cui conferma la volontà di applicare questa norma, ma contesta la dicitura "tassa sui contanti", che sarebbe fuorviante e non veritiera.